top of page

Una meditazione per la pace

Come diceva Thay (Thich Nhat Hanh), la pace non è una meta, la pace è la via. L'unica via per non finire in guerra. E come tutte le vie si fa camminando, un passo dopo l'altro, a partire dal punto in cui ci troviamo. Esistono diverse meditazioni che aiutano a sperimentare questo transito: col Sangha dell'Armonia abbiamo deciso di condividerne una gratuitamente, per il beneficio di tutti.




Tra le più efficaci meditazioni di pacificazione c'è il famoso Tonglen: la pratica del trasformare il male in bene trasmettendo un'energia che riunisce, una luce che cura gli strappi all'origine della sofferenza e trasforma l'opposizione in comprensione e compassione. E' di questa energia che ha bisogno adesso il mondo, soprattutto la nostra parte del mondo, dove gli interessi di nazioni lontane stanno scavalcando il volere di intere popolazioni e inducendo i nostri governanti a portarci sull'orlo di un baratro dalla profondità inimmaginabile.


Non vogliamo la guerra. Ma non possiamo rivolgerci direttamente a loro, ai potenti, in modo diretto o epistolare, come aveva fatto Thay più volte, scrivendo ai capi di Stato per evitare che iniziassero conflitti o partecipassero a quelli in corso. Però possiamo sviluppare questa energia dentro di noi. E condividerla con tante altre persone in modo da formare una massa critica intenzionalmente allineata verso l'obiettivo della pacificazione. La potenza di questa vibrazione agisce - per usare un termine che viene dalla meccanica quantistica - indirizzando il collasso della funzione d'onda verso una materializzazione guidata alla pace invece che alla guerra. E lavora quindi ai piani sottili in cui prende forma una linea di realtà piuttosto che un'altra.


E' grande il potere che sviluppiamo con la meditazione! Se vuoi sperimentarlo, in questa pagina trovi una versione del Tonglen rielaborata per gli occidentali e finalizzata ad attivare il nostro potere di riappacificazione e trasformazione manifestando, di conseguenza, l'energia necessaria a cambiare il 'canale di trasmissione' della realtà.


Se vuoi fare ancora di più, condividila con almeno due persone che desiderano contribuire a fermare la guerra. Se ogni amico la condividerà a sua volta con altre due persone, velocemente la massa criticha prenderà forza e contribuirà a cambiare le tendenze distruttive ora in atto.

Grazie dal profondo del cuore!


0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page